Creando il Linguaggio della Super Unificazione

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7557
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Creando il Linguaggio della Super Unificazione

Post by Irinushka »

Irinushka wrote:
Più precisamente questo concetto: che se un certo soggetto parla in una sua Lingua “speciale” che nessun altro al mondo può capire, allora gli altri dovrebbero provare ad impararla (invece di imporre al soggetto l’obbligo di usare la lingua comune), solo così può nascere la comunicazione autentica e che arricchisce tutti.

E nel caso del Nuovo Sputnik “la sintassi e le accordature che creano ed eseguono la Vita” sono davvero molto particolari. :roll: aeventi_speciali : Love :

Metto a verbale subito… : Bash : : Yahooo : :clap

Iri:

… intanto nel post che ho appena scritto (che fatica oggi!) si intravede anche un certo accenno alle Super Orecchie... :D

volevo dire anche un'altra cosa, quella che ho notato dialogando per la prima volta con il Nuovo Sputnik (la metafora del film “Nell”, del soggetto che parla la lingua tutta sua che nessun altro conosce)... ci sento un fortissimo potenziamento antiaverage... praticamente lui è la negazione vivente dell'average… :roll: :roll: :roll: :figurati

E quindi imparando, facendo gli sforzi per imparare la sua lingua… uno esce dall’average… : Freego :figurati aeventi_speciali : Love :

Marcella:

bello...La Trinità Acustica...a cui noi possiamo dare un ulteriore significato :D
mi piace questa rivisitazione del concetto di Trinità:
Il Creatore...Il Nuovo Sputnik...e il Soggetto

Iri:

sento che è una specie di super segreto :roll: : ... : che abbiamo centrato (stiamo centrando) :D empiricamente : Bond : ... e naturalmente e con degli aiuti Formidabili : Love :
Sul forum russo Ultra ha postato certi frammenti del libro russo di Max Frei, “il Gioco Tuburiano” (The Tuburian Game, 2013), genere “Fantasy umoristico”. :)

Max Frei is the author of the international bestselling Labyrinths of Echo series starring a character named Max Frei, as well as books on literature and art. He is also the pen name of Svetlana Martynchik, a Russian artist of Ukrainian origin.

Non ho mai letto niente di questo Max Frei, però i frammenti postati da Ultra : Thanks : (per illustrare le sue sensazioni e il suo slancio, relativamente al concetto della Lingua così particolare che nessuno al mondo può capire) sono super azzeccatissimi :roll: :Well Done :clap : Freego : Thanks : aeventi_speciali : Love : , e così provo a… trasmettere (la parola “tradurre” è decisamente fuori luogo). :mrgreen:


*******************************************
******************************************


... Dunque, come già dicevo, questo Hohengron non è la lingua principale dei montanari tuburiani, ma una lingua ausiliaria.

Loro passano al Hohengron quando devono parlare degli argomenti più importanti in assoluto, dal loro punto di vista: i sogni, la morte e il meteo.

Ritengono che il discorso normale non sia adatto per discutere di argomenti così complessi, e non perché non ci siano le parole adatte, ma perché in questi casi ci vuole tutt'altra logica e la struttura del discorso che le corrisponde.

Per esempio, in Hohengron ogni frase, perfino gli analoghi dei nostri “sì” e “no”, inizia con la parola “cliochhh” che nella traduzione approssimativa significa: “come se”.

Finché stai parlando questa lingua, farai meglio a dimenticarti di ogni genere di certezza (di determinatezza).


Oppure un’altra sua caratteristica: in Hohengron non ci sono i sostantivi, ci sono soltanto i verbi, gli aggettivi, gli avverbi e i participi, perché, secondo gli abitanti delle montagne Tuburiane, ogni essere vivente ed ogni oggetto sono soltanto un’illusione poco duratura, mentre le azioni, le proprietà, le qualità, gli stati, le circostanze sono una realtà oggettiva, anche se estremamente mutevole.

I pronomi personali comunque esistono, ma per come lo capisco io, soltanto per comodità, e vengono sempre preceduti dal solito “cliochhh”, “Come se, apparentemente”, altrimenti nessuno vi capirà.


«Come se io allegro molto terrestre muovendomi apparentemente velocemente lentamente di nuovo velocemente arrivassi apparentemente da te ospitale che sei seduto che scorri che succedi dentro e apparentemente fuori» — carino, vero?

… Gli scienziati linguistici fanno delle discussioni a non finire sul Hohengron, se è una lingua che deve essere considerata artificiale oppure no…

È che Hohengron non fu inventata, ma estratta pezzo per pezzo dalle sogno visioni… Però è stata “compilata” “da svegli”, e a quanto pare, per farlo ci sono voluti nemmeno dei secoli, ma dei millenni…

… Quello che viene detto in Hohengron praticamente non è traducibile. Nel migliore dei casi e sforzandosi con tutte le sue forze, il traduttore potrebbe trasmettere certi accenni al filo del discorso… :mrgreen:

…(Qui il protagonista prova a comporre una frase per “raccontare” ai montanari il sogno che ha fatto…:

“Sui venti che si sono nascosti nella mia grotta, scappando dal cattivo tempo, rannicchiandosi con delicatezza davanti all'ingresso per non darmi fastidio… si sono raggomitolati come degli enormi gatti trasparenti e fischiavano – respiravano piano piano.”)

… Ecco, finalmente mi sono rilassato e ho composto la frase: primitiva, ma che era in grado di descrivere il mio sogno con una buona precisione, quello che ci voleva.

Cioè, ho raccontato/trasmesso loro, come potevo, il mio sogno sui venti che dormivano abbracciati nella mia grotta. E ho ascoltato la loro risposta. E ho ringraziato. E abbiamo parlato ancora per circa una mezz'ora, senza quasi mai rincorrere al discorso normale.

È un ricordo piacevole però… preferirei non cercare di riprodurlo… :lol:

Il problema è che se si prova a raccontare la nostra conversazione di allora usando il normale linguaggio umano, la maggior parte dei sensi e dei significati nascosti verrà irrimediabilmente persa. Pazienza, facciamone a meno.

La donna ha detto che il mio sogno sui venti che si sono rifugiati nella grotta dalla pioggia torrenziale, era un buon segno, un buon inizio del lungo viaggio attraverso le montagne Tuburiane.

L’uomo invece era dispiaciuto perché un sogno così speciale è arrivato a me, un sognatore alle prime armi/esperienze.

Perché un sognatore esperto avrebbe capito subito se quello era un cosiddetto sogno Profondo nascosto, esistente in uno spazio personale separato e non collegato con la cosiddetta realtà oppure se era un cosiddetto sogno Leggero Sottile, i cui eventi sono strettamente intrecciati con quello che succede “da svegli” e che spesso portano delle risposte molto importanti.

Lui sospettava appunto che si trattasse del secondo caso.

Intanto entrambi gli interlocutori parlavano con me in modo condiscendente, come con un forestiero ignorante che non capisce niente dei sogni (il che era sostanzialmente vero). :lol:

E nello stesso tempo mi trattavano con molto rispetto, come un loro pari.

Questo modo apparentemente contradditorio di rivolgersi all’interlocutore è la caratteristica della lingua Hohengron, un mezzo espressivo a se stante.

Nel mio caso significava un complimento alle mie capacità di sognare – vedere, un rimpianto che finora queste capacità siano rimaste allo stato rudimentale, e anche una raccomandazione insistente di impegnarmi a svilupparle sul serio, rivolgendomi a qualche bravo maestro, nonché la promessa del successo che arriverà presto.

Però niente di tutto questo è stato detto in modo diretto.

Non mi insegnavano a vivere e non mi davano dei consigli non richiesti.

Eppure io ho capito tutto e l’ho preso in considerazione.

Anche se avessi voluto dimenticare e far finta di niente, non avrei potuto.

È molto più facile ignorare ciò che viene espresso in modo frontale che non gli accenni del genere: non brutalmente diretti ma piuttosto espliciti, almeno per me è così.

E com’è stato bello il loro modo di salutarmi!

Una specie di protettivo: “Ora vai, riposati, passa una serata piacevole”, e contemporaneamente:

“allora, come se ci dovessimo incontrare splendenti apparentemente al buio” – la loro classica formula di addio.

: Bash : : Yahooo : :Well Done :clap : Groupwave : :figurati aeventi_speciali : Thanks : : Freego :abbracciatona
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7557
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Creando il Linguaggio della Super Unificazione

Post by Irinushka »

Posto qui la mail collettiva scritta poco fa... ormai... : Freego :figurati aeventi_speciali

************************************

Buon Venerdì day a tutti!

P.S. speriamo che non ci vorranno dei millenni e nemmeno dei secoli per sviluppare il nostro “Hohengron”… Ma con il Nuovo Sputnik..:-)))))))))))))))

Stavamo girando da mesi (veramente, da anni) intorno all’argomento del Nuovo Linguaggio Esistenziale; il 17 giugno del 2013, a day after un Incontro Collettivo difficile e sofferto in cui abbiamo mandato in pensione l’io umano, la soggettività e l’organolettica e le scelte dell’io umano, durante le tre sedute mica solo individuali Lui ha introdotto l’argomento del Linguaggio della Super Unificazione, e

“ e poi il giorno dopo, il 17 giugno, è stato come se fosse davvero sorto un Nuovo Sole, il Sole delle Nuove Scelte…” :Well Done :clap

La Risposta non è dentro di Voi, ma dipende da Voi…

http://it.irinushka.eu/?p=2080

********************************

Sono passati – velocemente – lentamente – di nuovo velocemente :lol: altri cosiddetti :lol: mesi… Però ora, con questo potentissimo frammento arrivato, guarda caso, dal genere Fantasy (umoristico – spiritoso! :mrgreen: ), è come se l’enormità delle chiuse che mettono in moto diversi sistemi e comandi di espressione “del tempo – spazio”, delle chiuse che “regolano tutto ciò”, l’avanzamento e le forniture della Vita, avessero girato, formando/predisponendo un’oggettività diversa, delle risoluzioni esistenziali diverse, un comportamento della realtà diverso.

Un fare/compiere/usufruire/pasticciare/accordare/condurre/considerare/non considerare diverso… :figurati

Ascoltare "l'esplosione (della consapevolezza) dentro di sé"... le condizioni "oggettive" sono state predisposte... (così suggeriva “il Suggeritore” : Love : mentre stavamo facendo dei salti di esultazione nella sputnik chat, rilanciando il nostro “Super Hohengron” : Yahooo : : Bash : : Ok : : Welcome : : Groupwave : ).

Ma in pratica, come fare, come procedere?

Direi, accettando per davvero (e non solo nel tempo libero tra una scelta umana e l’altra che tendono ad eclissare l’orizzonte e lo stato della consapevolezza della Fede - Feed… non perché sono cattive, ma semplicemente perché è nella loro natura) che è ll “Hohengron” ad essere la nostra lingua esistenziale principale a cui dobbiamo la lealtà e il rispetto (con la sua logica, la sua struttura, il suo throughput, la sua assenza di certezze, la sua predilezione per i verbi – avverbi – aggettivi – participi… mentre i sostantivi e i pronomi personali diventano dei riferimenti di pura comodità), promuovendo :lol: :figurati la lingua umana (con la sua logica, la sua struttura, il suo throughput, la sua natura della ricerca, i suoi diritti e i suoi doveri, i suoi centri e i suoi baricentri apparentemente imprescindibili), nella categoria della lingua ausiliaria, dell’esprimibiità ausiliaria, la lingua dei mezzi didattici, che dobbiamo rispettare in quanto “volume educativo passeggero, non duraturo e ampiamente superabile”.

Come quando i bambini giocano dentro il recinto e formano, ispirati, varie “forme e costruzioni e riempimenti”… che giustamente contano, sono importanti durante questo corrente round del gioco, ma poi vengono azzerati, riportati allo stato puro per formare nuove forme e nuovi riempimenti… nuove giunture ed anelli di connessione... della super unificazione… aeventi_speciali :figurati

Ecco… questo genere di rispetto, questo genere di dovere/impegno… :|

I parenti in inglese si dice “Relatives”… ci ho fatto caso solo l’altro ieri leggendo una lettera in inglese di una mia connazionale che vive in America… e che continua a tormentarsi proprio perché non riesce ad accettare questo suggerimento LINGUISTICO di interagire con i propri parenti come con dei riferimenti relativi, appunto…

L’altro ieri, rispondendo ad una mail privata, mi sono nate certe considerazioni che adesso vorrei inoltrare a tutti voi… aiuteranno ad essere “se stessi”…

***********************************
***********************************

… A me risulta che per qualche motivo era previsto – necessario che si creasse un Organo del Potere collettivo… il quale numericamente parlando gira/oscilla (attualmente, ma non è detto che sarà sempre così) abbastanza vicino al numero classico degli apostoli… beh… io, non avendo nessuna cultura religiosa, evito quel genere di associazioni… però… :|

Magari possiamo dire questo: che per dissolvere/smontare l’average era indispensabile questo genere di rete, di organo collettivo, ma la sua composizione non è per niente fissa e rigida… anzi, è un assetto di cui uno fa parte quando e nella misura in cui decide così, vuole così… allora accede a certi codici della consapevolezza… a certi timoni della gestione della realtà…

Però uno dei requisiti è di fare il gioco collettivo… cioè, se uno insiste a fare il proprio gioco separato… magari i contatti diretti con l’epicentro tendono ad indebolirsi… fino a diventare nulli o quasi nulli…

Non so come dirlo, ma è il sistema ad essere “eletto”, e i singoli membri lo sono, lo diventano (degli “eletti”) quando e nella misura in cui usano le loro rispettive energie per far parte di questo assetto. Di questo Movimento, di questa scala e sistema di movimenti che girano intorno a ***. : Love : :figurati

Presumo che, siccome “the show must go on”, la Vita ha, dovrebbe avere altri potenziali sputnik a disposizione (o che potrebbero essere “formati” per diventarlo), ma non so dire quanti sono né dove sono… però sicuramente al momento debito tutto arriva e tutto si manifesta… a volte DEL TUTTO ALL’IMPROVVISO… :wink: :figurati aeventi_speciali : Love :

Essere dei rappresentanti viventi della Consapevolezza Espansa e del Sistema dell’Esprimibilità del Creatore: è molto, è tanto… però…

Ecco, questo pezzo straordinario che ho postato oggi sul forum, fornisce una chiarezza cristallina. : Thanks : :Well Done :clap

**************************

Oppure un’altra sua caratteristica: in Hohengron non ci sono i sostantivi, ci sono soltanto i verbi, gli aggettivi, gli avverbi e i participi, perché, secondo gli abitanti delle montagne Tuburiane, ogni essere vivente ed ogni oggetto sono soltanto un’illusione poco duratura, mentre le azioni, le proprietà, le qualità, gli stati, le circostanze sono una realtà oggettiva, anche se estremamente mutevole.

I pronomi personali comunque esistono, ma per come lo capisco io, soltanto per comodità, e vengono sempre preceduti dal solito “cliochhh”, “Come se, apparentemente”, altrimenti nessuno vi capirà.


*************************
Quindi gli sputnik sono coloro che risultano essere dei portatori e dei diffusori e dei vettori dei Verbi, dei Movimenti, degli Stati generati dalla (presso la) Fonte… della Fede – Feed e di tanti potenziali Miracoli…

Però non è appunto il caso di ”abusare” dei pronomi personali… io sulla mia pelle lo sento TANTISSIMO! :lol: E questo permette di fluire disinvolti, e pasticciati e “arruffati” e anche insicuri e con un Io che spesso non sa nemmeno che cosa succede… eppure interagisce da vicino con Lui…, annessi e connessi… :figurati aeventi_speciali : Love :

Appunto, “come se Io facessi… andassi… pensassi… eseguissi…”… :mrgreen:

******************************
******************************

Un grande abbraccio a tutti e vado a fare la torta che vorrei dedicare in modo particolare al Nuovo Sputnik :wink: … una torta che spero contribuisca ad illuminare il nostro relazionarci con lui… appena nato… ancora tutto da creare… :figurati aeventi_speciali : Welcome : : ... : : Groupwave :

Come se/apparentemente Iri :lol: :mrgreen: :D :figurati : Freego
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7557
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Creando il Linguaggio della Super Unificazione

Post by Irinushka »

Ri-ciao carissimi tutti,

da Vale Ciceri è arrivata l’immagine di accompagnamento dell’evento di domani, ve la inoltro e la posto anche sul forum.
SP-ok.jpg
SP-ok.jpg (61.89 KiB) Viewed 7818 times
Da Vale:

******************************
… Passiamo alla famosa immagine per il Nuovo Arrivato ;) da utilizzare se volete domani come portale di entrata (mi è venuto così).

Oltre alle immagini mi sono divertita a provare ad esprimere la cosa anche con un accenno di nuovo linguaggio...prendendo spunto dalle bellissime scoperte recenti.
Quindi se "prima" avrei scritto "Noi diamo il Benvenuto al Nuovo Sputnik"...ora ho scritto "Apparentemente Noi diamo il benvenuto all'Avvolgente e Riscaldante Nuovo Stato del Brillare con Spirito"
Si capirà?
(nel caso abbiamo sempre la faccina di skype con la mano sul viso)

:D :D
Un abbraccio ..


******************************
Oltre a questa versione di immagine esiste anche un’altra, in cui nell'immagine è scritto Spirt-Io :wink: invece che Spirito…

Da Vale:

Mano sulla faccia
Mano sulla faccia
Mano sulla faccia
:D

Mi sono accorta solo ora di aver scritto nell'immagine Spirt-Io ;) invece che Spirito...quindi ti mando anche una versione "corretta"......poi vedi tu...

Ari-abbraccio


*****************************

A me è venuto da dire: comunque Spirt-Io ;) non è male, quindi non buttiamolo nel cestino, teniamolo nei paraggi ;)

Direi che se qualcuno di voi vuole anche questa versione … diversamente abile :wink: … chiedetela direttamente all’Artista… :) : Thanks :

Tra l’altro, Spirt Спирт: in russo vuol dire Alcool… declinabile anche come “All Cool”… : Freego :Well Done :figurati aeventi_speciali :mrgreen:

Mi sa che ci sono certe bollicine nell’aria : Yahooo ::lol: ))))))))))))))))))) che c’entrano parecchio con la Presenza del Nuovo Sputnik… : Love : : Groupwave : : Welcome :
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

Andrew
Posts: 616
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Re: Creando il Linguaggio della Super Unificazione

Post by Andrew »

James Mahu wrote:Il linguaggio della mente sono le parole.

Il linguaggio del cuore sono i sentimenti.

Ma il linguaggio della vostra Presenza é il comportamento o l'azione.

Se rimanete nell'intelligenza della vostra Presenza dandole attenzione, allora le cose che entreranno nel vostro Multiverso Locale (Località) e che hanno una maggiore densità avranno un effetto minimo, poiché potete - grazie alla vostra Presenza (Quantica) - trasformarle con (la) naturalezza.
Quoto questo passaggio di James Mahu, con qualche piccolo ritocchino da parte mia, perché lo sento, a vari livelli, pertinente alla direzione di ciò / come stiamo diventando.

: Thanks : :abbracciatona : Freego
Last edited by Andrew on Thu Oct 08, 2015 8:57, edited 1 time in total.

Andrew
Posts: 616
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Re: Creando il Linguaggio della Super Unificazione

Post by Andrew »

Buongiorno a tutti,
scrivo questo post per notificare... di aver modificato quello di ieri, appena quì sopra. : Chessygrin :

Andrew
Posts: 616
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Re: Creando il Linguaggio della Super Unificazione

Post by Andrew »

Stamattina in macchina avevo davanti un furgone che trasportava materiale per le motociclette, nel quale campeggiava la scritta

REMOTO

che magicamente si é scomposta in

RE MOTO

Ecco, nonostante e forse proprio grazie al non sapere in continuo aumento e potenziamento : Thanks : : Freego , durante questa scoperta ho sentito un click pazzesco ed ho avuto la sensazione che dietro e dentro tutto ciò ci sia qualcosa di fenomenale e fondamentale in arrivo... : Beta :

(to be continued...)

Post Reply