Quarantotto

Post Reply
Andrew
Posts: 615
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Quarantotto

Post by Andrew »

Stanotte ho visto che stavo riorganizzando questa sezione del Forum in un modo "perpendicolare" rispetto al solito.
(Quì si inseriscono certi riferimenti alle Traversine usati tempo fa da Irina, come ad esempio in questo post)

Questa "cosa", che é anche una risposta a certe sollecitazioni di Irina a condividere... cose che al momento non saprei come condividere ;-) , non é esattamente un forum, ne un blog... forse un po' una raccolta, un glossario, un esperimento a (s)muovere altre cose e cosette.

Comunque c'é, si sente molto la condizione di questo spazio (del Forum) come una delle facce del "pannello di controllo dell'azione".

Stamattina Alessandro mi ha segnalato la parola Fantasmagorico, e si... probabilmente questa parola ed il numero Quarantotto sono fortemente intrecciati ;-)
Last edited by Andrew on Sat May 30, 2020 21:15, edited 6 times in total.

Andrew
Posts: 615
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Indice

Post by Andrew »

Last edited by Andrew on Fri May 29, 2020 10:22, edited 6 times in total.

Andrew
Posts: 615
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Guarigione

Post by Andrew »

Un paio di mesi fa, Marcella mi ha inviato la trascrizione di un intervento (di Raffaele credo) a proposito della Guarigione.

Lo sento straordinariamente attuale, e certamente meritevole ed interessato a prendere residenza in questo spazio aggiornato del Forum.

Eccolo:

Qui è molto importante creare un precedente.

Se a livello dello spazio terrestre così sovraeccitato e interconnesso in un certo posto, in una certa località, cominciano a essere fatti dei lavori per ripristinare il giusto ordine delle frequenze portanti, allora questa cosa poi rimbalza, viene trasmessa a livello di tutta la rete e facilita questo lavoro a chi, magari, non potrebbe iniziarle per conto proprio o non potrebbe beneficiare di questa risonanza, di questa facilitazione.

Usando i suoni primordiali, i suoni cristallini, i suoni che sono già parte della realtà terrestre anche se sono ancora, in un certo senso, nascosti, sono ancora non ufficialmente inaugurati.

Ognuno di voi ha dentro certe correnti guaritrici, ma, per esempio può nello stesso tempo patire una certa sindrome che non è curabile da queste sue particolari correnti, magari potrebbe essere curata dalle correnti che ha un altro soggetto. Per questo è importante creare questa guarigione a livello della rete planetaria globale. In questo modo voi potete far uscire le vostre specifiche correnti guaritrici nello spazio esterno e poi fare uno scambio equo con altre correnti, con la vita stessa in modo da usufruire di quelle particolari prestazioni guaritrici di cui avete bisogno in questo momento per mettere a posto qualcosa dentro di voi. Questa è l'impostazione corretta. Proporre agli altri, al pianeta ciò che voi naturalmente avete dentro e usufruire di ciò che serve a voi.

Nessuno può provvedere da solo alla propria guarigione, al proprio benessere perché la vita è fatta in modo diverso. E un'unica forza, un’unica forza della vita che vi unisce tutti, che lo vogliate accettare oppure no.

Possono essere guaritrici anche le cose, gli oggetti, le manifestazioni del creato possono essere usate come dei guaritori o delle guaritrici.


L'importante è predisporre questa rete di diagnosi e di scambio e mettere a punto la circolazione di queste varie correnti guaritrici.


:figurati aeventi_speciali :abbracciatona

Andrew
Posts: 615
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Le Scelte

Post by Andrew »

Condivido alcune recenti considerazioni di EG a proposito delle scelte:

Si può fare la scelta, e tra l'altro il momento della scelta é sempre un momento favorevole perché attira le energie, perché crea le oscillazioni, apre le vie, apre le prospettive, permette di chiudere qualcosa che non rende più un granché, quindi le scelte si possono e si devono fare. E in ogni scelta si tratta di allineare a se stessi tutto quanto, tutto l'attuale volume, tutta l'attuale conduttività della materia terrestre. E anche questo ti fa sentire queste vertigini, questi picchi di emozione, di tensione, di gioia, magari anche di dubbi, perché in ogni secondo tu allinei a te stesso tutta la conduttività complessiva della terrestricità ed é una cosa immensa.

Il momento della scelta é un momento favorevole e prezioso di per se, e si potrebbe allargare ulteriormente questa condizione. Il suggerimento é quello di esporre a questa condizione della scelta altre aree, altri aspetti della vostra esistenza che per il momento non sono apparentemente in cambiamento o richiedono qualche decisione, però potrebbe lo stesso arrivare un arricchimento, però non rischiano niente. Se sono buoni, stabili, giusti nel tempo e nello spazio non é che rischiano di disintegrarsi, potrebbero solo attirarsi dei momenti di potenziamento, arricchimento, e va bene così. Se però qualcosa é vulnerabile, ma magari ancora voi non ve ne rendete conto, allora li potrebbe risultare più chiara questa vulnerabilità però anche con qualche suggerimento su come risolvere, che direzione prendere, ecc.


( il contesto, in questo caso, era la scelta di una nuova casa... 😉 )

Andrew
Posts: 615
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

La Casa Autentica

Post by Andrew »

Aggiornato il 29/05/2020

Facciamo un po’ di teoria. Il concetto della casa e il concetto della realtà sono indubbiamente connessi. Questa realtà della nuova dimensione terrestre coinvolge parecchio la casa, le case. E’ proprio indispensabile che la casa sia coinvolta, per cui anche se uno rimane a vivere dove viveva prima sarà comunque necessario un grosso aggiornamento, un cambiamento dei codici, proprio come se la casa dovesse cambiare piattaforma.

Perciò il cambiamento, l’aggiornamento relativamente alla casa ed alle case c’è comunque, e più uno si assesta dentro la propria casa in via di assestamento anche lei e più impara a fiutare questa nuova realtà, quindi è come se la casa fornisse delle sfumature percettive nuove, supplementari. E dico subito questo: vi farà sempre più piacere darvi da fare per la casa, dentro la casa, occuparvene, perché la sua forza dell’attrazione crescerà ancora e ancora. Crescerà anche ciò che la casa significa dal punto di vista del senso della realtà, quindi sarà anche un rifugio, una messa a terra, una linea dedicata di connessione con la sorgente terrestre. E imparerete, e possiamo anche dire impareremo, ad amare la casa in un modo nuovo. Quell’emozione non sarà più un’emozione tanto umana, e allora anche l’amore per la casa sarà molto più amplificato, più ricco di sfumature.

Ecco in questo momento in parte quest’emozione vi è già accessibile, praticamente vi tocca, e sentite che dentro di voi qualcosa risponde, e lo volete confermare: si, sento questo tocco d’amore per la casa, e voglio manifestare questo amore, e voglio possedere una casa in cui questo amore sarà uno sfondo stabile.

Questa è un’emozione che c’è nell’aria, nell’atmosfera, è come una musica, un motivo che adesso può essere captato. Poi potete anche agganciare questa sensazione ad un riferimento concreto, una casa, una prospettiva di un trasloco, di un cambiamento, ma l’emozione stessa è più ampia, più grande, più profonda, e siccome già siete stati toccati da lei e l’avete confermata non se ne andrà più via.
Potrebbe anche essere vista come una benedizione per assecondare ulteriormente le vostre ricerche, i vostri propositi, perché se questa emozione vi è già accessibile il resto si troverà. Ma prima se non ci fosse stata questa emozione varie ricerche, propositi, sequenze, ecc sarebbero state un po’ come sospese nel vuoto, perché non ancora fecondate da questa emozione primaria.

In che modo voi sapete che avete bisogno di una casa diversa? Guardate che non sto parlando dei parametri tecnici tipo spazio, comodità, ecc. Ma come lo sentite che si, nel vostro futuro c’è una casa diversa? Anche li potreste immaginare uno strumento musicale con delle corde ed un qualche tipo di motivetto, di musichetta che può essere suonata. Questo è il primo passo: il modo in cui sentite che la casa di prima non è nel vostro futuro e quindi siete pronti a sciogliere questo contratto a livello energetico.

In primo piano metterei questa emozione, perché non è solo un’emozione. Sono nuovi saper vivere, saper fare che la sorgente terrestre sta sviluppando e li vorrebbe propagare in giro. Quindi l’emozione è più grande di eventuali riferimenti concreti, però giustamente questa emozione dovrebbe in qualche modo sedimentarsi, agganciarsi a qualcosa.

La casa autentica non ha forzature o connessioni artificiali. E’ allineata con la sorgente terrestre, il nucleo centrale, per cui è facile per lei ricevere nuove energie, aggiornamenti, come se avesse una linea dedicata molto buona con il centro della terra. E’ come se fosse un microambiente che si prende cura di voi in vari sensi, ed è vero che anche voi vi prendete cura di questo ambiente, di questa casa. Ha la capacità di dare dei suggerimenti, di far sciogliere dei dubbi nel caso in cui non è facile prendere una decisione.

Prendersi cura di questa casa autentica è abbastanza facile dal punto di vista energetico, non è stressante, però bisogna farlo. E anche qui non sto parlando solo dei lavori pratici di manutenzione, perché la casa ha bisogno di avere la vostra attenzione, quindi è come una interlocutrice con cui interagite sempre, una parte integrante della famiglia. Questa cosa non è stressante, non crea tensione, e tutto ciò vi coinvolge e vi aiuta anche perché in questo modo sbocciate ulteriormente, riuscite a condurre ancora meglio le energie e ad usufruire ancora meglio di questi suggerimenti.

E’ fatta in modo molto ampio a livello delle energie, è molto aperta, quindi per lei non è difficile stabilire dei rapporti speciali, intimi con diversi tipi di persone, e questo è anche un vantaggio. Non è difficile entrare in amore, in amicizia con questa casa perché è proprio predisposta per eccitare, per attirare, per esserci.

Provate a sentire come state in questa nuova casa, di immergervi in questo ambiente, in questo futuro nel quale io proverò ad accompagnarvi… Fiorisce ciò che prima era a livello dei boccioli. Potreste sentire come stanno fiorendo le cose dentro di voi, come si stanno espandendo, quindi c’è una maggiore completezza, e allora anche il senso del tempo per esempio diventa parecchio diverso, e se il senso del tempo cambia così tanto allora anche tante altre cose cambiano. Probabilmente adesso fate anche una certa fatica ad inquadrare questa messa a fuoco, questa prospettiva, perché è parecchio diversa da ciò che conoscete adesso, per cui si ho detto che vi sto aiutando a guardare dentro il futuro, però tra l’attuale presente e quel futuro ci sono parecchi salti di qualità, non è uno spostamento lineare, per questo è difficile valutare ciò che sentite, perché ciò che sentite non potete allinearlo a voi stessi di adesso, non ci sono le corrispondenze dirette, è un po’ come la sensazione di trovarvi in un mondo diverso dove sostanzialmente va tutto bene ma non ci sono le misure o le frecce tramite cui proiettare queste sensazioni su voi stessi di adesso, però anche questo è un buon sintomo, vuol dire che state percependo il respiro di una realtà diversa.

Se state per costruire una casa nuova lo sforzo bisognerà farlo. E’ impegnativo, ma non si tratta soltanto di un impegno finanziario, ma è come se con questa scelta aveste anche scelto un certo percorso dentro la realtà, una certa traiettoria, perché la casa è anche un riferimento massimo. Questo sforzo dovrebbe essere uno sforzo autentico, che rende piuttosto bene, che ciò che viene fatto poi viene assimilato bene, nel senso che non è uno sforzo invano oppure una condizione in cui magari investite ed investite anche nel senso dell’impegno, dei propositi e poi le cose spariscono e niente, nessuna traccia.

Costruire una casa non è solo chiamare un’impresa edile, ecc, è un lavoro molto impegnativo per quel che riguarda le energie. Quando arrivano gli operai, i geometri, ecc, il terreno è già stato preparato, gli addetti ai lavori sono già stati prescelti o hanno già ricevuto delle impostazioni, delle tarature, delle eccitazioni.

Scegliere la casa è una cosa, ma bisogna scegliere anche lo sforzo, la tipologia e la qualità dello sforzo. Anche questa è una scelta fondamentale.

Dipende da voi, dipende da sè stessi. E’ una cosa bella, nello stesso tempo potrebbe essere quasi vertiginosa, far quasi paura, tipo ma: se io adesso faccio un errore di calcolo e dipende da me, dopo con che cosa avrò a che fare? E potrò poi eventualmente correggere questo errore? Si, lo so che sarebbe educativo però vorrei apprendere senza fare troppi errori. Possiamo usare questa espressione “all inclusive” nel senso che nell’attuale realtà, in questa materia rinata è già tutto compreso, quindi ad ognuno è stato assegnato un tot di possibili errori e di eventuali correzioni, fa già parte del pacchetto. Non posso dire quanti errori o imperfezioni perché anche questo dipende da ciascuno, poi è proprio la vita che vede com’è la situazione e dice “ok, a te do questa garanzia, un tot di errori ed un tot di eventuali recuperi, soluzioni, ecc, però se uno dovesse arrivare al limite di questo credito potrà benissimo mettersi di nuovo d’accordo con la sorgente terrestre ed acquisire un altro pacco, con altri errori ed altri recuperi e senza nemmeno essere penalizzato. D’altra parte anche questo è un gioco. E poi errori ed errorini sono comunque inevitabili perché fanno parte della vita. Osservare è fondamentale, soprattutto in questo ultimo periodo lo diciamo sempre, quindi soprattutto adesso cercate di osservare ad ampio raggio, tutto quanto, magari avrete delle mini conferme, questi ulteriori chiarimenti per quel che riguarda il tipo di sforzo, ciò che è ancora nascosto, magari vi arriverà qualche suggerimento dalla casa attuale o futura.

Nel momento in cui state per prendere una decisione avrete anche degli accompagnatori, dei suggeritori, magari proprio energie che fanno da tramite, altre che cercano di spiegarvi qualcosa che non riuscite a capire, a farvi notare qualcosa che non siete riusciti a notare, quindi non siete per niente soli, ed allora cercate di osservare quello che arriva da questo entourage.

La casa è anche un enigma, un mistero, sia una casa che esiste già che a maggior ragione la casa che deve ancora nascere. Può essere molto stimolante agganciarsi a questo enigma quando è ancora all’inizio. C’è questa aura del mistero, qualcosa di enigmatico, ed anche questo è attraente, è eccitante, una ricarica, una cosa bella, una cosa che potrebbe dare fascino alle cose consuete e familiari che apparentemente non hanno niente di enigmatico, un afflusso della vita ancora non ordinata, non manifestata.
Le case si stanno trasformando perché la vita cambia, la realtà cambia, rinascono e si trasformano ognuna a modo suo. Le case richiedono che ci si prenda cura di loro, tutte le case lo vorrebbero.

Questa emozione grande che ormai c’è nell’atmosfera è accessibile anche alle case esistenti. Non è facile sentirle direttamente da abitanti di una casa ormai familiare, comunque si può fare, sono come nuove correnti di freschezza in mezzo alle correnti già conosciute oppure come se fossero gli occhi diversi, quindi guardare la casa con occhi diversi, e tutto questo trasforma anche voi.
Tutto può essere vincente. In questo senso qui è meglio non condizionare sé stessi con nessun tipo di impostazione troppo rigida. Tutto può essere vincente e questo dovrebbe essere il vostro credo, per un bel po’ di tempo.

E poi non è detto che deve esserci una sola casa. Certo, la casa è anche una messa a terra per eccellenza tramite cui sentirvi connessi con la terrestricità, con la sorgente terrestre, però le case possono anche essercene due, tre, diverse. Quello che importa è la cosiddetta emozione della casa, perché è tramite questa emozione che accedete alla sorgente terrestre attraverso la casa.

La forza dell’attrazione dovrebbe attirare nuovi regimi delle scelte. Alla base di tutto c’è questa emozione di avere la casa, di possedere la casa che ti collega alla sorgente terrestre.

Poi è proprio la materia stessa che trasmette la condizione che di case possono essercene anche più di una, perché la casa è una specie di fattore che tutto riordina, che tutto mette a terra, una specie di mega gestore, un fattore di regolazione che vi permette di valutare, sistemare, mettere a posto le energie. Siccome la sorgente sa che sempre di più ci saranno tante cose da gestire lei stessa suggerisce che magari non è per niente male ls soluzione in cui se è possibile come messa a terra potrebbe essercene più di una. Poi può essere anche un domicilio usato ogni tanto, una soluzione provvisoria, però proprio come spirito da questa nuova materia non arriva un suggerimento “e trovate tutti una vostra casa ideale e statevene li dentro”

Siccome è la sorgente stessa che suggerisce che potrebbero esserci magari più di una messa a terra per eccellenza.
Il gioco è a livello delle energie. Quindi possono esserci certe cose che non ti piacciono, non ti soddisfano, come arredamento, vedute esterne o altro ancora, però cercate soprattutto di avere la conduttività energetica che è giusta per voi. Perché magari possono esserci anche gli aspetti pratici che non vi piacciono ma lo stesso potete avere una conduttività energetica buona li, e allora l’emozione può transitare. Può essere che non ti piaccia un certo mobile, com’è posizionato, ma se le energie li possono circolare allora questa emozione ti collega comunque alla sorgente, al centro della terra, e a questo punto il fatto che un certo aspetto non ti piace non è così importante, perché non è questa la posta in gioco.

Nella terrestricità è normale che ci siano le cose che non piacciono, è normale, fa parte della vita, cio che conta è l’emozione maiuscola, quella globale, che possa esserci ed essere sempre fresca e se questa c’è anche le cose che non piacciono fanno la loro parte, permetto a questa grande emozione di farsi sentire, sono come degli interruttori, magari ausiliari, magari un po’ sporchi di grasso, però se fanno accendere la luce che vi illumina certe zone allora grazie a questi interruttori.

Post Reply